“Un racconto per te”, l’evento a Foligno per raccontare e raccontarsi

Cidis Onlus, Emergency, Comunità Sant’Egidio, Servizio Informagiovani, e Spazio Zut hanno organizzato per il 9 novembre presso lo Spazio ZUT in via Cavour 83 “Un racconto per te: una fiaba, un film , un caffè“: un’occasione per raccontare e raccontarsi, dare voce ai vissuti dei protagonisti come strumento di interazione, conoscere chi viene da lontano...

un racconto per te cidis foligno

Cidis Onlus, Emergency, Comunità Sant’Egidio, Servizio Informagiovani, e Spazio Zut hanno organizzato per il 9 novembre presso lo Spazio ZUT in via Cavour 83 “Un racconto per te: una fiaba, un film , un caffè“: un’occasione per raccontare e raccontarsi, dare voce ai vissuti dei protagonisti come strumento di interazione, conoscere chi viene da lontano e conoscersi attraverso i racconti e le emozioni, per far sì che la vicinanza sia incontro e la distanza sia curiosità nello scoprire l’altro.

L’evento ha lo scopo principale di coinvolgere gli studenti di alcune classi del territorio folignate, favorire un approfondimento e attività di sensibilizzazione sui temi dell’inclusione e delle migrazioni da e per l’Italia per sollecitare una riflessione ed un confronto sul presente.

La giornata sarà divisa in tre momenti principali:

  • La mattina presso lo spazio ZUT la Comunità Sant’Egidio proietterà delle immagini/video per presentare l’accoglienza tramite i “corridoi umanitari”, strumento che consentirebbe di evitare  i pericoli viaggi da parte dei rifugiati, frutto di un Protocollo d’intesa tra la Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, la Tavola Valdese, la Cei-Caritas e il Governo Italiano. Il Servizio Informagiovani illustrerà i dati relativi ai giovani italiani che lasciano il nostro territorio per trovare lavoro in altri Paesi, e li confronterà con i dati degli ingressi degli stranieri nel nostro paese. Saranno presentati dei dati ISTAT inerenti immigrazione ed emigrazione ragionali e comunali: saranno utili per far nascere una riflessione e stimolare una discussione all’interno dei tavoli tematici del World Cafè.

Gli studenti delle scuole prenderanno come input le immagini viste e i dati forniti, per avviare un confronto che si svilupperà tramite un World Cafè. Il World Café è un metodo semplice ed efficace nel dar vita a conversazioni informali, vivaci e costruttive, su questioni e temi che riguardano la vita di una comunità. Si discutono i temi in piccoli gruppi, seduti intorno ai diversi tavoli, per sessioni consecutive. Ogni 20-30 minuti, ad intervalli regolari, i partecipanti ruotano da un tavolo all’altro costituendone nuovi, così da favorire la contaminazione e lo scambio di idee tra un gruppo e l’altro. Presso ogni tavolo rimane un facilitatore, o per usare la terminologia propria di questa tecnica, un “padrone di casa” che ha il compito di sintetizzare la discussione al gruppo successivo. Alla fine dei lavori verrà presentata una mappa concettuale che riporterà in completo quanto emerso.

  • Nel pomeriggio sempre presso lo Spazio Zut EMERGENCY FOLIGNO presenterà il suo libro interculturale per i bambini “Leggiamo insieme: fiabe e storie del Mondo.

Il libro è la raccolta delle storie da tutto il mondo raccontate in biblioteca dei ragazzi da genitori e bambini di altri paesi negli scorsi anni. Tutto questo è espressione di una tessitura di molti fili in cui è possibile rinvenire temi, motivi, intrecci, che uniscono le diversità, che fanno da ponte tra elementi culturali diversi, tra territori e paesi lontani. Interverranno la dirigente scolastica, alcuni studenti e docenti dell’Istituto Orfini, protagonisti nella realizzazione del libro, avendone curato tutta la parte grafica. Saranno poi lette in lingua madre e animate dalle autrici le fiabe: la pagnotta rotonda  (ucraina) e il gruffalò (scozia)

  • La sera alle 21.00 Cidis Onlus presenterà il documentario/film “Quasi Domani”, di produzione della ColibrìFilm s.r.l, presentato in anteprima mondiale nella sezione MigrArte al 74° Festival di Venezia. Il docufilm racconta di un vecchio paesino calabrese in cui, negli ultimi anni, la presenza dei migranti ha evitato lo spopolamento dello stesso. Cinque storie individuali di immigrati tessono un affresco del lento e difficile processo di integrazione.

Qui sotto la locandina dell’evento:

un racconto per te cidis foligno

Related Posts
Leave a Reply
Newsletter