Un futuro in Italia

L’apprendimento della lingua italiana rappresenta uno step essenziale per chi vuole stabilirsi in Italia. Saper comunicare le proprie esigenze e desideri rimane la prima esigenza per chi si trova in una nuova comunità, dove il bisogno di condivisione è forte. Proprio per favorire l’apprendimento della lingua italiana, l’istituto IPSIA Sandro Pertini CPIA Terni ha previsto la...

L’apprendimento della lingua italiana rappresenta uno step essenziale per chi vuole stabilirsi in Italia. Saper comunicare le proprie esigenze e desideri rimane la prima esigenza per chi si trova in una nuova comunità, dove il bisogno di condivisione è forte.

Proprio per favorire l’apprendimento della lingua italiana, l’istituto IPSIA Sandro Pertini CPIA Terni ha previsto la formazione di un ‘corso di accoglienza’ destinato in particolare a minori non accompagnati per poter avviare un percorso di formazione che dal livello A1 potesse concludersi con il raggiungimento del livello A2.

Il progetto ha mirato anche ad attivare processi dinamici di socializzazione e di inclusione, perché i ragazzi potessero sviluppare una propria identità, coltivando sogni e speranze per il futuro, un futuro da costruire in Italia. Questa intervista è stata realizzata proprio coinvolgendo una ragazza che ha frequentato il corso di Accoglienza, con l’obiettivo di ottenere una testimonianza di come i ragazzi provenienti da altri Paesi possano riuscire fino in fondo a realizzarsi e a costruire basi solide per il loro futuro in Italia. Una testimonianza positiva, che lascia spazio alle buone speranze e che delinea ottime prospettive. Ecco l’intervista ad una ragazza del corso che ha scelto come immagine rappresentativa, proprio il suo libro di italiano.

Cosa ti piace di più dell’Italia?

Sono una ragazza di 18 anni e abito a Montefranco insieme alla mia famiglia. A me e alla mia famiglia piace molto l’Italia e in particolare mi piacerebbe seguire il mio percorso di studi proprio qui, in questo Paese.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro in Italia?

In futuro mi piacerebbe molto lavorare in Italia come infermiera. Adoro questo Paese, in cui ho deciso di vivere con la mia famiglia. Adesso sto continuando gli studi: al CFP studio per fare l’estetista e al CPIA di Terni studio per imparare la lingua italiana, che sicuramente mi sarà molto utile per lavorare in questo Paese. Per il mio futuro penso in particolare ad un lavoro come estetista oppure, come ho detto prima, anche da infermiera.

Cosa ricordi del tuo Paese di origine?

I ricordi legati al mio Paese di origine sono molto belli. Nel mio Paese ho tanti amici. Sono arrivata in Italia soltanto un anno fa insieme alla mia famiglia, per questo continuo a ricordare quello che ho lasciato. In particolare mi ricordo della mia casa molto bella e grande. A volte mi piace disegnare ciò che ricordo dei posti in cui vivevo prima. Sento di essere molto legata alle tradizioni del mio Paese, come per esempio la festa che si fa per Capodanno e che tutti trascorrono insieme in famiglia. Questa è una festa in cui mi sono sentita sempre felice.

Grazie al professor Giorgio Rini, docente di italiano per stranieri di IPSIA Sandro Pertini CPIA Terni per aver condiviso con noi questa storia.

Related Posts
Leave a Reply
Newsletter