Prossimi eventi

Deprecated: Il file /home/customer/www/umbriaintegra.it/public_html/wp-content/plugins/the-events-calendar/src/views/widgets/list-widget.php è deprecato dalla versione 5.13.0 senza alcuna alternativa disponibile. On version 6.0.0 this file will be removed. Please refer to https://evnt.is/v1-removal for template customization assistance. in /home/customer/www/umbriaintegra.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5579

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

Il progetto AIM – Accessibility & inclusion of migrants

Il progetto AIM,  – Accessibility & Inclusion for Migrants, si propone di accrescere il numero delle agenzie formative capaci di dare ai migranti le migliori opportunità, mettendoli nella condizione di raggiungere il livello degli studenti delle comunità di accoglienza. Finanziato dalla Commissione Europea all’interno del Programma comunitario Erasmus+ ,  AIM si concentra sulle organizzazioni che si occupano di...

Il progetto AIM,  – Accessibility & Inclusion for Migrants, si propone di accrescere il numero delle agenzie formative capaci di dare ai migranti le migliori opportunità, mettendoli nella condizione di raggiungere il livello degli studenti delle comunità di accoglienza.

Finanziato dalla Commissione Europea all’interno del Programma comunitario Erasmus+ ,  AIM si concentra sulle organizzazioni che si occupano di formazione, rendendone più efficace l’approccio nei confronti degli allievi migranti.

In che modo?

Il progetto mira a costituire cinque partenariati territoriali di organizzazioni che si occupano di formazione (in Regno Unito, Turchia, Italia, Irlanda, Svezia)* che mettano in rete almeno 60 soggetti, pubblici e privati, per migliorare l’accesso dei migranti alla formazione. Per l’Italia, il progetto farà capo a Frontiera Lavoro, ente attivo nei servizi di inclusione socio lavorativa delle fasce più vulnerabili.

Le agenzie formative saranno coinvolte in un sistema di autovalutazione, per misurare il loro livello di accessibilità e fruizione da parte dei migranti. Un percorso formativo per gli operatori sarà tradotto in più lingue, utile per veicolare un cambiamento nell’organizzazione in cui operano, sempre con l’obiettivo di migliorare l’inclusione dei migranti. Non ultimo, si darà priorità allo sviluppo di strumenti educativi online open source, un ambiente multimediale dove trovare strumenti educativi per migliorare il percorso formativo personale e favorire l’apprendimento autonomo.

Non sempre infatti, le agenzie preposte alla formazione sono di facile comprensione per chi arriva da un altro paese. In particolare,  le criticità riscontrate per l’Italia appaiono:

  • L’utilizzo di un linguaggio troppo burocratico o specifico che genera incomprensione
  • L’accesso ad informazioni sulla formazione. Si hanno maggiori difficoltà nel trovare un lavoro che è un elemento fondamentale sia per rimanere in Italia che per inviare soldi a casa. La legge sull’immigrazione italiana lega la permanenza dei migranti principalmente al lavoro.

 

*Partners di progetto: Go-Woman! Alliance CIC (REGNO UNITO);  Frontiera Lavoro (Italia);  T.C. Tuzla Kaymakamlığı TURCHIA)Folkuniversitetet (SVEZIA); Momentum Consulting (IRLANDA); European E-learning Institute (DANIMARCA)

Convidividiamo qui il primo numero della newsletter del progetto AIM.

AIM Newsletter N 1

 

Related Posts
Leave a Reply
Newsletter