Alla scoperta della mediazione etnoclinica: il progetto For.MIGRANTS di Anci Umbria e i suoi ambiti di intervento

Inaugurato nel 2019, anche nel 2020 è andato avanti il progetto For.MIGRANTS, che coinvolge, oltre ad ANCI Umbria, anche le Asl 1 e 2 del territorio. Si tratta di un servizio di supporto dei servizi sociali per interventi mediazione etnoclinica, che entra in azione con due equipe mobili nel momento della presa in carico dei...

mediazione

Inaugurato nel 2019, anche nel 2020 è andato avanti il progetto For.MIGRANTS, che coinvolge, oltre ad ANCI Umbria, anche le Asl 1 e 2 del territorio.

Si tratta di un servizio di supporto dei servizi sociali per interventi mediazione etnoclinica, che entra in azione con due equipe mobili nel momento della presa in carico dei servizi sanitari o sociali per restituire alla gestione dei casi una dimensione più antropologica.

La mediazione etnoclinica è  un dispositivo di intervento in ambito sociale e socio sanitario sistemico per affrontare le situazioni di impasse nella relazione di presa in carico operatore utente.

Molto spesso, quando si rende necessario l’intervento dei servizi sociali territoriali in un centro di accoglienza per persone provenienti da Paesi terzi, così come l’intervento dei servizi sanitari, le difficoltà culturali si sommano a quelle sociali o legate alla salute. Possono sorgere problemi di tipo comunicativo riguardanti l’inquadramento diagnostico, la compliance, l’inefficacia delle abituali prassi, il conflitto e anche difficoltà ad inquadrare la possibile condizione di disagio. A volte sono gli stessi beneficiari a porre delle resistenze nel momento in cui i servizi sanitari li devono prendere in cura e non sempre chi attende ai servizi sanitari o sociali riesce a tenere conto di questa dimensione di difficoltà legata alla particolare situazione delle persone migranti. Ecco che allora si inserisce l’azione delle equipe di Anci, dove operano antropologi, psicologi e mediatori culturali che riescono con le loro competenze a facilitare la comunicazione con le persone destinatarie dell’intervento.

Di che cosa è fatto un lavoro di mediazione culturale ed etnoclinica? È fatto di ascolto delle problematiche dei cittadini dei Paesi terzi, di sostegno alle loro vulnerabilità, che sono legate quasi sempre ad un difficile background migratorio, di supporto alla comprensione della realtà in cui sono accolti, per la facilitazione delle cure che essi stessi possono ricevere nel Paese che li accoglie. L’equipe del progetto For Migrants interviene quando c’è un impasse, quando si creano delle situazioni di conflitto. In sintesi, è  uno strumento che permette la trasformazione della relazione tra operatori ed utenti.

Questo intervento è parte di un lavoro sinergico con le istituzioni del territorio, azione che permette di migliorare le condizioni di chi arriva nel nostro Paese da una situazione di grave difficoltà e si trova nella necessità di ricevere un aiuto concreto.

A questo link potete trovare più informazioni sui corsi attivati nell’ambito del progetto: https://www.uslumbria1.it/notizie/progetto-for-migrants

Related Posts
Leave a Reply
Newsletter