Prossimi eventi

Deprecated: Il file /home/customer/www/umbriaintegra.it/public_html/wp-content/plugins/the-events-calendar/src/views/widgets/list-widget.php è deprecato dalla versione 5.13.0 senza alcuna alternativa disponibile. On version 6.0.0 this file will be removed. Please refer to https://evnt.is/v1-removal for template customization assistance. in /home/customer/www/umbriaintegra.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5579

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

La tradizione Messicana a Perugia: El día de los muertos

Nella giornata del 2 novembre presso la sede di Perugia del Centro Studi Americanistici “Circolo Amerindiano” Onlus, si è tenuta la celebrazione della tradizione Messicana del dìa de los muertos. Per l’occasione all’interno della sede dell’associazione è stato ricreato il caratteristico altare familiare per le offerte, altar de las ofrendas. La ricorrenza ha importanza centrale...

Nella giornata del 2 novembre presso la sede di Perugia del Centro Studi Americanistici “Circolo Amerindiano” Onlus, si è tenuta la celebrazione della tradizione Messicana del dìa de los muertos.

Per l’occasione all’interno della sede dell’associazione è stato ricreato il caratteristico altare familiare per le offerte, altar de las ofrendas.

La ricorrenza ha importanza centrale ed è radicata nella cultura delle comunità indigene messicane tanto da essere riconosciuta Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO nel novembre 2003.

Al fine di restituire l’esperienza culturale in maniera dettagliata, autentica e fedele, per l’occasione dell’evento era presente una mediatrice culturale originaria del Paese.

Contrariamente alla cultura occidentale e alla festività cristiana celebrata anche in Italia, i morti nella tradizione messicana non vengono solamente ricordati, vi è la credenza comune che questi “ritornino” dall’aldilà in visita ai loro cari. La tradizione vede l’inizio dei festeggiamenti intorno al 31 ottobre, data che varia da provincia a provincia, fino alla data del 2 novembre, giornata di celebrazione conclusiva, che nella credenza combacia con l’ultima giornata di permanenza terrena degli spiriti.

La cultura messicana, grazie alla sua eredità pre-coloniale, celebra la morta in un atto quasi di sfida. La morte è considerata come parte del ciclo della vita, una continuazione, senza nessun’influenza negativa.

L’altare allestito all’interno dell’associazione è una rappresentazione fedele di quelli allestiti in tutto il Paese nei giorni di festa. La festività del dìa de los muertos è tra le più sentite insieme alla festa della Madonna di Guadalupe, Nuestra Señora de Guadalupe, considerata parte integrante dell’identità culturale messicana. Nelle foto che seguono dell’altare è infatti possibile vedere l’immagine spiccare al centro della rappresentazione.

Ma come si allestisce un altar de ofrendas?

L’altare si colloca nella stanza più amplia della casa e si trasforma nel fulcro della vita familiare per il periodo della festività. Si struttura seguendo uno schema che vede sovrapporsi diversi livelli a rappresentanza del mondo del cielo, della terra e dell’aldilà, el inframundo.

A ciascun livello corrisponde il posizionamento di determinati oggetti, foto ed elementi.

Nel livello più alto, a rappresentanza del cielo, si posizionano le foto dei defunti che vogliono essere celebrati e ricordati. In questo livello viene posizionata anche un’immagine di un santo scelto dalla famiglia per protezione.

Nel secondo piano, a rappresentare la terra, vengono posizionati gli alimenti favoriti dei defunti nella vita precedente.

Nel terzo piano a raso terra, in rappresentanza del inframundo, l’altare viene ornato con fiori colorati, frutta e calaveras, la tradizionale maschera messicana a forma di scheletro colorato.

Spesso, come è possibile vedere nelle foto, viene aggiunto un arco ad indicare la porta che segna il passaggio tra i mondi per consentire il passaggio dei morti. Alla base vengono poste delle candele luminose ad indicare i quattro punti cardinali, come a voler facilitare il passaggio ai propri cari.

Oltre alle candele, elementi che non devono mai mancare sono acqua e sale. Il sale per il suo significato simbolico, in quanto utilizzato per preservare il corpo a posteriori contro le intemperie, e l’acqua come offerta per i propri cari, per farli bere e rinfrescare dopo il passaggio tra mondi.

Nella tradizione culturale, acqua, latte e alimenti che vengono posizionati nell’ofrenda devono essere cambiati con tutti i pasti.

Al fine di far conoscere la cultura messicana e la sua tradizione agli interessati, l’altare rimarrà allestito e sarà possibile visitarlo fino a dicembre 2021. La prenotazione è obbligatoria.

La sede della Onlus ospita inoltre un museo e una biblioteca specializzata in letteratura latino-indio americana. L’accesso è aperto a tutti e gratuito previa presentazione del green pass per i maggiori di 12 anni.

Per prenotare e maggiori informazioni:

0755720716 oppure info@amerindiano.org

Leave a Reply
Newsletter