Prossimi eventi

Deprecated: Il file /home/customer/www/umbriaintegra.it/public_html/wp-content/plugins/the-events-calendar/src/views/widgets/list-widget.php è deprecato dalla versione 5.13.0 senza alcuna alternativa disponibile. On version 6.0.0 this file will be removed. Please refer to https://evnt.is/v1-removal for template customization assistance. in /home/customer/www/umbriaintegra.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5579

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

Altrocioccolato: la manifestazione che promuove la solidarietà e il commercio equo

Si è da poco conclusa, a Città di Castello, Altrocioccolato, una manifestazione culturale itinerante, organizzata da Umbria Equo Solidale, che da 15 anni porta nelle piazze delle città umbre stand, conferenze, mostre, laboratori ed eventi per promuovere il Commercio equo – di cacao, cioccolato e non solo – e progetti di Economia solidale. Eventi legati...

Si è da poco conclusa, a Città di Castello, Altrocioccolato, una manifestazione culturale itinerante, organizzata da Umbria Equo Solidale, che da 15 anni porta nelle piazze delle città umbre stand, conferenze, mostre, laboratori ed eventi per promuovere il Commercio equo – di cacao, cioccolato e non solo – e progetti di Economia solidale.

Eventi legati al cioccolato e alla sua commercializzazione non sono affatto nuovi in Umbria, basti pensare al successo di Eurochocolate, festival dedicato al cioccolato e al cacao che si svolge a Perugia da ormai 24 anni. Ma per capire perché Altrocioccolato si differenzia da altre iniziative di tipo commerciale in questo ambito, è necessario innanzitutto soffermarsi sul concetto di “equosolidale”.

Il commercio equo e solidale è una forma alternativa di commercio internazionale, che si oppone alla logica del profitto dei grandi produttori e delle multinazionali, stabilendo una relazione paritaria tra gli attori della distribuzione commerciale e i consumatori. Obiettivo di questo diverso approccio è quello di garantire ai produttori e ai lavoratori dei paesi in via di sviluppo un trattamento economico e sociale etico ed equo.

L’associazione Umbria Equo Solidale (UES), nata nel 2005 proprio per perseguire questi scopi, organizza eventi come Altrocioccolato per permettere ai produttori del Sud del Mondo e alle realtà dell’Economia solidale italiana di incontrarsi e raccontare il loro lavoro e le loro sfide.

Ha svolto attività in sinergia con la Regione Umbria, la seconda in Italia a legiferare in materia, con l’ approvazione della Legge Regionale 3/2007 sulla diffusione del commercio equo e solidale in Umbria , che “riconosce il ruolo sociale delle organizzazioni di COMES (Commercio Equo e Solidale)”.

Fanno parte di questa realtà alcune botteghe dislocate nella regione – Il Colibrì (Umbertide), La Boteguita (Città di Castello), Monimbò (Perugia e Terni), Piano Terra (Orvieto) – che svolgono anche attività formative, coordinate dalla stessa UES.

Anche Altrocioccolato, oltre a informare su progetti di sviluppo alternativi, promuove attività volte a sensibilizzare il pubblico sui temi della solidarietà e dell’equità, per un consumo e un’economia sostenibili. I laboratori, ad esempio, sono occasioni per illustrare al pubblico il lungo e articolato processo – in termini di lavorazione, nonché di implicazioni sociali ed economiche – che porta alla produzione di una barretta di cioccolato.

È più facile pensare al cioccolato come a un gustoso bene di consumo che non come a una potenziale risorsa economica per i paesi produttori ed è proprio questo l’aspetto sul quale la manifestazione vuole portare attenzione.

Produzione e lavorazione del cioccolato sono attività che riguardano l’economia e lo sviluppo di diversi paesi del Sud del mondo come, ad esempio la Costa d’Avorio (da cui proviene un terzo della produzione mondiale). Per massimizzare la produzione di cioccolato, vengono sfruttate all’eccesso risorse naturali, i parchi nazionali sono oggetto di deforestazioni, viene alimentata la circolazione di prodotti illegali e ignorati i diritti dei lavoratori delle piantagioni, che non possono nemmeno permettersi una barretta di cioccolato e in molti casi sono minori.

C’è un filo rosso che lega una manifestazione come Altrocioccolato ai processi di integrazione sul territorio umbro. L’evento, infatti, ha anche lo scopo di divulgare informazione rispetto a queste tematiche e criticità – e non solo relativamente alla produzione del cacao – che sono quelle che riguardano paesi in via di sviluppo ad alto tasso di emigrazione.

La sinergia che esiste tra UES, botteghe equosolidali e associazioni che lavorano nell’ambito dell’accoglienza sul territorio ha delle importanti potenzialità perché può dare – e in alcuni casi ha dato – luogo ad attività di socializzazione, formazione e preparazione al lavoro, anche per giovani beneficiari di protezione internazionale. La manifestazione stessa – che quest’anno ha registrato un’affluenza di oltre 30 mila visitatori – è un momento di aggregazione rispetto alla quale giovani rifugiati residenti nella zona di Città di Castello hanno mostrato entusiasmo e che potrebbe offrire loro occasioni di formazione nel prossimo futuro.

 

 

 

 

Related Posts
Leave a Reply
Newsletter